“Prefazione”

tant’è, ché scrivo questo per secondo quando comunque per secondo sarebbe stato ed il precedentemente scritto sarebbe dovuto essere il terzo pubblicato, ma la politica è peggiorata ed ecco che il primo Post-rientro, dalla “nursery dei rompiballe”, il rientro dal “silenziatore aSociale”, quale che ne siano le motivazioni, diverrà il terzo Post dei tre dopo di 2 (aggiuntivi a quelli da non tenere in considerazione).

Capito?

Se non avete capito è perché il Blog ha 1 disturbo bipolare:

lo 0, altrimenti non vi sarebbe nessuno che scriverebbe e non notereste niente che cambia.

Io infatti sono esente dai problemi del Blog in quanto io mi definirei monolite sinistrorso con fondamenti libertari da me revisionati, dunque non faccio il cambia-casacca, anche se metto le pezze col tempo… anche se, a pensarci, in effetti, il Campo* dà i suoi turbamenti che con lo 0, gli Zeri ed i Primi un poco tiene a che vedere ed anche con me, come a dire: se cane piscia su gamba tu incazzi poco, buono, poi tu stai nei cazzi e cane va a spasso.

Ti ricordi di quando votavi…

Ti ricordi di quando pensavi a conciliare, senza infierire, filosofie – religioni e regole della realtà (quella fisica), ti ricordi di quando scindevi la logica dalla ripetizione a memoria…

Ti ricordi di quando comprendevi ed eri cosciente della differenza che c’è tra il saper trovare le soluzioni ai problemi, considerandone gli effetti, dedicandovi del tempo per valutare, ed il semplice applicare metodi in modo ripetitivo, metodi già distorti dalle persone nel tempo, ti ricordi di quando di tanto in tanto riflettevi su quei metodi e procedimenti…

Ti ricordi di quando t’importava di scindere il giusto dal meno corretto, il bene dal bene individuale: il dolore personale dal dolore imposto alla collettività, la tradizione dal tradizionalismo, la ragione dal costume e la moda, anche aritmetica, applicati all’essere Umani ed imposta per ‘trattare le Società’.

Ti ricordi di quando le parole avevano un peso, e di quando ti infastidiva l’aver usato la parola sbagliata e di quando t’importava di correggere se ritenevi fosse il caso.

Ti ricordi di come la tecnica e le tecnologie dovessero servire ad accrescere il benessere, non la differenza tra chi possiede e chi no, non la differenza di poteri, non a dividere.

Ti ricordi che ora (forse) non t’interessa più, ti ricordi che ora è già il passato.

Mi ricordo che a me interessa ancora, ecco il ‘problema’.

Il caso e le cose, la realtà delle cose e l’assenza del caso (almeno per come è comunemente inteso).

Le regole. Le regole inviolabili. Le regole note e quelle non ancora note. Il caso che le regole sono infinite quanto infinito è l’Universo e quanto è infinitamente preciso.

Posto che il Libero Mercato ha cancellato l’Umanità ed ha creato ‘attori’ ‘coscienti’ pressoché solo di portafogli, interpretazioni, ruoli e costumi (che il Pirandello se la ride, altro che il Nostradamus), specializzazioni, drink e tagli (di capelli):

assevero qui la fine dello spirito civico (altrui), l’inizio dello spazio al ‘demone’ del menefreghismo, la metastasi dell’interessamento esclusivo dietro corrispettivo, che oramai è talmente tardi che ci sarebbe bisogno di allungare gli anni le ore ed i minuti per recuperare, cercando la decenza nei secoli, l”involuzione sociale’ che l’Italia sperimenta oramai anche nelle ‘piccole’ comunità.

Mi tengo la vecchia filosofia, mi tengo i ricordi: spartiteVi la ‘torta dei torti’ finché c’è n’è, se così vi piace.

Il ‘nuovo’ tempio: la piramide, del sopruso…

Le piramidi hanno una cima sola, e quando la cima, che per paradosso stando in alto vede poco perché accecata dallo sproposito di potere, decide sulle accecate ed istupidite fondamenta è facile che si giunga ad un gran fracasso e che piovano pietre anziché locuste.

‘Le buone notizie’: un T.S.O. al giorno svuota tribunali e carceri più di qualsiasi indulto, solo rimane ancora da valutare l’efficienza evolutiva della terapia dell’omertà obbligata.

( *il Campo* – una nota e tras-nazionale associazione a delinquere con picciotti locali, monoLocali ed anche multi-piano, conosciuta solo dalle vittime )

Advertisements