Il mercenario (mafioso, stalker organizzato, paramilitar-corporativo privato, militare in versione priva di senso Umano e di senso dello Stato e dei diritti Umani in tempo di pace figurarsi in tempo di guerra) opera commettendo reati violenti, povero: non aveva inteso che si stava pisciando sui piedi distruggendo il sistema Socio-Economico che gli permetteva di possedere un determinato benavere ed aver un determinato benessere, povero, questi pensava che bastarrero i soldi, sporchi o più o meno puliti, per poter accedere alle comodità nell’ambiente (contesto) come lo aveva visto fino ad un certo momento, povero, pensava che nel totale sfascio da lui commesso perchè in cambio avrebbe ottenuto taaantiii soldi (ed era sicuro di riceverli tanto che quella moneta gli era già stata, almeno in parte, fornita, a fiumi, di carta, a fiumi, di metalli), povero, era sicuro che avrebbe ottenuto potere!

Povero, il delinquente: dobbiamo occuparci dell’osceno reato, dell’appellativo, non dello sfruttamento, non dell’associazione paramilitare nazista o satanista, mica è povera la vittima, mica è povero l’agnello sacrificale Umano, l’agnello del potere e divertimento altrui… Eh, già! Il progresso modernamente inumano (nulla a che vedere con il progresso socio-economico).

Povero il criminale, non sapeva che quei soldi dopo la sua distruzione non sarebbero più valsi un ficosecco, i metalli non avrebbe più potuto usarli ne venderli (se non in un inferno Capitalista, ma solo se ancora qualcuno abbisogna dei suoi “servigi”, cosa improbabile essendovi un limite alla collusione criminale, in quanto quello più in alto nel gruppo ad un certo punto si vede minacciato nel suo potere), povero il criminale, non sapeva che anche da satanista o nazista avrebbe poi vissuto con soldi valenti un ficosecco e metalli che non venivano accettati se da lui provenienti se da quel posto provenienti, povero il criminale non sapeva che stava collaborando alla distrunzione ed al rendere inoffensivo il popolo disastrato di quel territorio soqquadrato, povero il criminale non sapeva che non avrebbe più avuto i servizi come prima, povero il criminale non sapeva che il suo territorio sarebbe diventato talmente orrido da fargli passare la voglia di starci (anche a lui, lui con il gusto dell’orrida patacca) ma non se ne sarebbe potuto andare perchè quanto gli era stato dato in controparte non valeva più nulla, povero il criminale non sapeva che il suo operato avrebbe determinato per lui maggiori difficoltà o le stesse di prima per avere molto meno (magari anche in brevissimo tempo), povero il criminale non sapeva che l’energia per godere il suo potere non l’avrebbe più avuta facilmente, povero, non sapeva che non avrebbe più avuto un posto decente da fare vivere ai figli (sempre che ne aveva).

Povero è stato anche fregato.

Incapacità d’intendere?

Advertisements