Tags

, , , , ,


Sottotitolato: l’ingegnere non lo sà perchè il foglio lui c’è l’ha, o forse è colpa d’Alfredo o del capo

Il motore a scoppio è un compressore che “trasforma” gl’incrementi di pressione nelle camere di combustione in coppia motrice.

Il motore a scoppio però può benissimo essere anche un compressore nel senso proprio del termine: ogni volta che si deve decellerare.

Il recupero d’energia cinetica (e conversione) in decellerazione è ottenibile per esempio mediante un volano, oppure mediante un alternatore (sempre che, poi, parte della propulsione faccia uso di energia elettrica), oppure anche mediante la conservazine della compressione: nel modo più semplice usando l’aria.

Recuperare energia mediante la compressione e suo sucessivo utilizzo e trasformazinoe in coppia motrice richiede anni di studi ed una spiegazione mastodontica, oltre ad un trattato internazionale e due o tre guerre per il petrolio risparmiato: si fa così, si prende e si aggiungono due fori e due valvole alle camere di combustione, quando non accelero e pigio il freno queste si sbloccano e comiunciano a muoversi in funzione del moto delle ruote (tramite l’albero) determinando l’ingresso, nelle camere di combustione e tramite una delle due nuove valvole (antiriflusso ma per sensi opposti tra le due), di aria aspirata anteriormente al paraurti anteriore (aria già compressa in ambiente libero), aria che viene compressa quando quella valvola si chiude ed il motore prosegue nella meta del suo ciclo in funzione di compressione dell’aria entrata, spingendo questa, mediante l’altra nuova valvola, in una camera d’aria compressa, aria questa che alimenterà il motore nella nuova successiva accelerazione in quanto comunicante con un tratto del circuito d’aspirazione dell’aria interminedio tra il paraurti e l’ingresso in camera (proprio perchè è necessaria una terza valvola antiriflusso).

Insomma comprimere l’aria per decelerare consumando meno i freni necessita di leggere modifiche ai cilindri ed ai pistoni, ma rende molto e consente un’accelerazione da gran coppia.

Advertisements