Quante sono le scuole, le cliniche, gli ospedali, le case distrutti in meno di un mese, quanti in dieci anni? Per alcuni Israeliani Hamas spenderebbe meglio quei soldi sparando ai Palestinesi. Per molti Ebrei, troppo pochi comunque, molti Israeliani sono “molto poco Umani”, per alcuni quanto fanno a Gaza ed in CisGiordania equivale a campi di concentramento, ma si sa, in democraziaTM (NATO & Co. IperCapitalista) le proteste sono annichilite e chi nello Stato Militare o vicino ad esso parla di cose che non si devono sapere finisce anche peggio di Vanunu M.

Polvere da sparo

L’ufficio stampa dell’Israel Defence Forces lavora h24.
Fa un lavoro particolare, insieme ai grafici che producono il materiale da far circolare sui social network: come lavoro ci prende tutti spudoratamente per il culo.
Già avevo pubblicato un’immagine da loro prodotta che spiegava con quanta precisione colpivano strutture civili (tra cui anche un parchetto giochi) perché nei giorni o nelle ore precedenti era stato lanciato un missile mai giunto a destinazione da uno degli angoli di questa “civilian structure”.
Oggi la provocazione suona proprio di beffa:
perchè tentano di farci credere che Gaza sia Hamas.
Che i 1000 morti (eh sì siamo arrivati a cifra tonda per poter ottenere 12 ore di tregua, che probabilmente non verranno nemmeno rispettate) che hanno lasciato al suolo coi loro armamenti che sembran provenire dal futuro, siano tutti di Hamas,
che il cemento armato, la farina per il pane, i granelli di sabbia della spiaggia…

View original post 244 more words

Advertisements