Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , ,


Sottotitolato: sanno dove sei, militari e criminali, tu a volte no ma loro sanno anche cosa pensi e quale sia il tuo stato d’animo, inoltre per fare muovere l’economia e concentrare i poteri ti ledono la salute e rendono difficile o impossibile la vita

Non serve il tuo cellulare per localizzarti: basta conoscere la tua traccia biometrica elettromagnetica: essendo noto il segnale emesso e le sue caratteristiche all’origine ed ad una certa distanza, essendo nota l’interferenza sul segnale determinata dal background ambientale (noto fino a poco prima della tua presenza, cioè prima di esserti spostato) l’unica differenza la fa il tuo caratteristico disturbo all’elettromagnetico segnale.

http://www.jpier.org/PIERM/pierm19/14.11061206.pdf

Molto interessante la parte sotto (pag.174), in particolare quando si spiega che il metodo di usare onde elettromagnetiche emesse dalla distanza ed indirizzate verso il “volume” del bersaglio (la persona) consente di rilevare l’attività encefalica, ripeto, dalla distanza. I Carabinieri sono responsabili (sempre che qualcuno tra loro abbia ancora decenza e responsabilità Umana) per non avere arrestato i mafiosi di Busto Garolfo e provincia, l’Italia è una Nazione di merda che vale 0. E’ ora di rimuovere chi ferma le indagini sulla mafia, non di rimuovere chi le fa. Piazze… non si manifesta mica solo per il colore della carta igienica!

“…The aim of this work is the design and development of a light-weight microwave detection system based on a compact X-band radar
to detect victims trapped under rubble and other obstacles. The life signals are extracted from the modulated backscattered wave
by the independent component analysis (ICA) algorithm [12{14], a powerful processing technique successfully adopted to analyze mixed
signals and adopted recently in order to analyze brain signals and in particular electroencephalographic (EEG) data [15]…”

Advertisements